Il trimestrale Traveler torna in edicola con tante novità e una sezione dedicata ad uno speciale sulla Basilicata.

L’editoriale

Te Anau è una manciata di case sparse sulla sponda di un lago. In lingua maori il nome significa pressappoco “la grotta vorticosa”, dalla leggenda di una mitica grotta in cui scorre un torrente sotterraneo. Situata all’estremo sud-ovest dell’isola del Sud della Nuova Zelanda, è il punto di partenza per memorabili trekking sulle cime incontaminate del Fiordland National Park, all’estremità delle Alpi Meridionali. Anche Te Kao è una manciata di case, all’altra estremità del paese, in fondo a una penisola lungo la quale si estende una spiaggia di 90 chilometri battuta dal vento. Il suo nome significa “kumara essiccato”, una specie di patata dolce che, polverizzata e mescolata con acqua, diventa un pasto veloce per chi doveva sostenere un lungo viaggio. In mezzo tra Te Anau e Te Kao c’è tutta la Nuova Zelanda, quella specie di Italia rovesciata agli antipodi abitata dal X secolo da popolazioni polinesiane e scoperta dai navigatori europei, precisamente da Abel Tasman, solo nel 1642. Un paese che conta più pecore che esseri umani, con una natura selvaggia e una civiltà invidiabile, se è vero che a Queenstown, una mattina di marzo, sono entrato in un B&B deserto mentre il proprietario, al telefono, mi diceva quale camera prendere e di servirmi pure dal frigorifero, se avevo fame e sete. Un paese dove il rugby è una religione, e la haka che gli All Blacks danzano e intonano all’inizio di ogni sfida un inno nazionale.

Vi chiedete perché vi parliamo di Nuova Zelanda in un periodo in cui viaggiare è così complicato? Beh, se si può solo sognare, tanto vale sognare in grande. Se invece preferite rimanere con i piedi per terra, vi proponiamo un weekend alle terme. Ma in treno, per gustare il benessere con lentezza. E se siete dell’idea di godervi un’esperienza enogastronomica vi portiamo a scoprire vigneti e osterie d’Abruzzo. Senza dimenticare Galway, cuore d’Irlanda e capitale europea della cultura, e la magia di San Pietroburgo d’inverno. Insomma, ce n’è per tutti i gusti. Basta partire.

Marco Cattaneo

Sommario

Traveler di autunno 2020 è disponibile in tutte le edicole al prezzo di € 4,90